Scroll with your mouse or arrow keys to see more!

Okay

SABATO 16 e DOMENICA 17 SETTEMBRE 2017

Il tema che ispira il concorso rimane, come la precedente edizione, quello del bosco planiziale. I boschi planiziali del Comune di Muzzana, ovvero i resti piu’ estesi dell’antica Foresta Lupanica, sono una rara e preziosa testimonianza di un polmone verde, a ridosso della Laguna, nella bassa pianura friulana. 

Programma manifestazione

Inaugurazione
del percoso artistico

Domenica 17 alle ore 10.30
visita guidata alle opere nel bosco
con il prof. Corrado Della Libera
Bosco Baredi, zona Turunduze,
Muzzana

Premiazione dei vincitori
del concorso Lupanica 2017

Domenica 17 alle ore 13.30
a Muzzana presso la struttura
della Festa dei Beni Comuni

dalle ore 15.30
visita guidata alle opere nel bosco
Bosco Baredi zona Turunduze,
Muzzana


Il primo premio

RAUL AMOROS HORMAZABAL
Argentina, Reggio-Emilia


“I fiori sui muri del tuo presente”
un grande cinghiale addormentato …..

“Con il passare del tempo l’opera soffrirà un ulteriore e decisivo cambiamento: inizieranno a crescere erbe e fiori sul cinghiale. L’acqua piovana, il sole, la luce e l’aria saranno elementi protagonisti dell’opera” l’intenzione è quella di creare un muro, per poi superarlo. …Con la sembianza di un immenso animale come il cinghiale, che rappresenta il bosco e la fauna locale, si dimostrerà che la natura può far si’ che germoglino i fiori sui muri: la foresta avrà la meglio: ingloberà e coprirà il muro 

 


 Il Bosco raccontato

I boschi planiziali del Comune di Muzzana del Turgnano
raccontati da Emilio Gottardo, camminando nel bosco


IL CONCORSO 2017

Quest’anno abbiamo anche pensato che, in un mondo che si sta riempiendo di muri e barriere, il bosco può essere un esempio. Esso delimita uno spazio , ma è uno spazio aperto. Aperto a scambi e correnti fra piante, animali e uomo, vento, acqua, luce e ombra.

Lo sguardo dentro/fuori del bosco, spazia su orizzonti solo apparentemente chiusi che, al mutare della luce o del punto di vista, si apre a nuove prospettive, e dove l’uomo può godere e sorprendersi delle sue meraviglie.

opere selezionate

CARLO VIDONI
Tarcento
titolo “Muro di rami”


 

GRETA KARDISIUTE
Lituania
titolo “two shores-found art”


 

IDA BENTINGER
Svezia-Bologna
titolo “oneness”


 

MICHELE GIACOBINO
Cirie’
titolo “pacioc”


 

LORENZO FANTONI
S. Daniele del Friuli
titolo “muro prospettico”


 

ERMINIA FIOTI
Catanzaro
titolo “arcobleno scomposto”


fuori concorso

MARIA GRAZIA PADERI
Ovaro del Friuli
titolo “il branco”


 

ALTRI PROGETTI

CHIARA GIANI
Venezia
titolo “spazi pieni e vuoti”

GIACOMINA NOLLI
Mantova
titolo “gospel”


 

SARA ZAGHETTO
Arzignano (Vi)
titolo “mother” “nest”


 

SABRINA PERISSINOTTO
S. Michele al Tagliamento (Ve)
titolo “con le radici tra le nuvole”


 

WERTHER GERMONDARI
Rimini – Roma 
titolo “picchiopinocchio”


 

 

IRENE RUSSO
Avellino-Napoli
titolo “connubio”


 

FRANCESCA DE PIERI
Venezia
titolo “terminus”


 

MARINA MENTI
Vicenza
titolo “fughe”


 

ENRICO MIGOTTO
Oderzo (Tv)
titolo “gli occhi degli alberi”


 

ALBERTO BARAZZUTTI
Milano-ud
titolo “tappeto natura”


 

CORRADO CHIETTINI
Milano
titolo “l’anello mancante”

MATTIA STRUSSIAT
Fiumicello (Ud)
titolo “natura in linee: l’albero”

GIUSEPPE MONGIELLO
e MARIA PASQUI
Battipaglia-Olbia
titolo “CÔR di ORDIN e di FÎL di AGHE”


 



AGOTA SZENDREI e ANDREAS BACHER 
in arte ANDRAGO 
Austria
titolo “la donna selvaggia”


 

LUCA MOTOLESE 
in arte AKIRA ZAKAMOTO
Torino
titolo “mulungu”